James Joyce - Chamber Music

Chamber Music

James Joyce   Chamber Music – Musica da camera Traduzione-By © SpaziDigitali  *** I Strings in the earth and air Make music sweet; Strings by the river where The willows meet. There’s music along the river For Love wanders there, Pale flowers on his mantle, Dark leaves on his hair. All softly playing, With head…

Giacomo Leopardi

Il passero solitario

D’in su la vetta della torre antica, Passero solitario, alla campagna Cantando vai finché non more il giorno; Ed erra l’armonia per questa valle. Primavera dintorno Brilla nell’aria, e per li campi esulta, Sì ch’a mirarla intenerisce il core. Odi greggi belar, muggire armenti; Gli altri augelli contenti, a gara insieme Per lo libero ciel…

Giacomo Leopardi

Scherzo

Quando fanciullo io venni A pormi con le Muse in disciplina L’una di quelle mi pigliò per mano; E poi tutto quel giorno La mi condusse intorno A veder l’officina. Mostrommi a parte a parte Gli strumenti dell’arte, E i servigi diversi A che ciascun di loro S’adopra nel lavoro Delle prose e de’ versi.…

Giacomo Leopardi

Alla luna

O graziosa luna, io mi rammento che, or volge l’anno, sovra questo colle io venia pien d’angoscia a rimirarti: e tu pendevi allor su quella selva siccome or fai, che tutta la rischiari. Ma nebuloso e tremulo del pianto che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci il tuo volto apparia, che travagliosa era mia…

Giacomo Leopardi

Imitazione

Lungi dal proprio ramo, Povera foglia frale, Dove vai tu? – Dal faggio Là dov’io nacqui, mi divise il vento. Esso, tornando, a volo Dal bosco alla campagna, Dalla valle mi porta alla montagna. Seco perpetuamente Vo pellegrina, e tutto l’altro ignoro. Vo dove ogni altra cosa, Dove naturalmente Va la foglia di rosa, E…

Giacomo Leopardi

Consalvo

Presso alla fin di sua dimora in terra, Giacea Consalvo; disdegnoso un tempo Del suo destino; or già non più, che a mezzo Il quinto lustro, gli pendea sul capo Il sospirato obblio. Qual da gran tempo, Così giacea nel funeral suo giorno Dai più diletti amici abbandonato: Ch’amico in terra al lungo andar nessuno…

Giacomo Leopardi

A Silvia

Silvia, rimembri ancora Quel tempo della tua vita mortale, Quando beltà splendea Negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi, E tu, lieta e pensosa, il limitare Di gioventù salivi? Sonavan le quiete Stanze, e le vie dintorno, Al tuo perpetuo canto, Allor che all’opre femminili intenta Sedevi, assai contenta Di quel vago avvenir che in mente…